news

Workshop 14.10 Unioncamere ER e Missione in Vietnam, 23-26.11


WORKSHOP - Martedì 14 ottobre p.v. alle ore 9,30 a Bologna, Viale Aldo Moro 62, Unioncamere Emilia-Romagna organizza con il patrocinio di Ministero dello Sviluppo Economico e ICE Agenzia un  workshop tecnico propedeutico alla missione volto ad approfondire le opportunità di business in Vietnam specificatamente per le imprese emiliano-romagnole dei settori focus (ovvero  meccanica, energie rinnovabili, biomedicale e infrastrutture). Programma (pdf) Per partecipare al Workshop si prega di inviare la scheda di iscrizionecompilata e firmata via e-mail a Benedetta Cavezzali all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o via fax al numero 051.6377050 entro il 13 ottobre. Per assistere alla diretta streaming è necessario barrare l'apposita casella sulla stessa scheda di iscrizione.

La missione multisettoriale è organizzata da ICE Agenzia, Confindustria, Unioncamere, Rete Imprese Italia, Alleanze delle Cooperative, Conferenza delle Regioni, sotto l'egida del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero dello Sviluppo Economico.

Settori interessati: Meccanica, Meccanica strumentale, Energie ed energie rinnovabili, Medicale e biomedicale, infrastrutture e connettività.

Un momento di approfondimento sarà, inoltre, dedicato alle possibilità di investimento e alle opportunità offerte dai 119 parchi industriali presenti nel Paese, dove vigono trattamenti fiscali agevolati e procedure burocratiche più snelle.

Partecipazione: la partecipazione è gratuita. Restano a carico di ciascun partecipante le spese di viaggio e alloggio. Per partecipare occorre compilare la Scheda di adesione on line sul sito vietnam2014.ice.it entro e non oltre il 17 ottobre 2014 e inviare il logo della propria azienda o del proprio marchio, in formato vettoriale o alta risoluzione, all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.t. 
Non saranno prese in considerazione le richieste di adesione incomplete o ricevute oltre il termine indicato.

Maggiori informazioni, Regolamento di partecipazione e Programma sulla circolareComunicato stampa

Per informazioni in  Unioncamere Emilia-Romagna:
Maily Anna Maria Nguyen, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -  www.ucer.camcom.it -

www.ucer.camcom.it/globus-internazionalizzazione/viet-nam

Contatti: ICE-Agenzia per la promozione all’estero e internazionalizzazione delle imprese italiane
Via Liszt 21 - 00144 Roma - Ufficio Made In Italy - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Riferimenti: Responsabile: Paola Lisi

ICE HO CHI MINH CITY
UNIT 1105, ME LINH POINT TOWER, 2
NGO DUC KE, DISTRICT 1
Tel. (00848) 38228813 Fax. (00848) 38228814 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L. Riccardi, Chinese Government Subsidizes Small Local Firms, 25.9.2014 - Expat Briefing Wolters Kluwer

In order to promote small businesses’ growth, and to give an extra boost to national economic growth, the Government offers tax breaks. From Oct. 1 to the end of 2015, any company with monthly revenues under CNY 30,000 will be exempted from value-added tax and business tax, according to a statement. The current threshold for this favorable policy is CNY 20,000.

The move comes after the State Council announced in April that companies with annual taxable income under 100,000 yuan will have their business income tax halved from Jan. 1 this year until the end of 2016. The reason for these incentives is that Premier Li Keqiang considers small and micro firms the "main force" of development, the "main channel" for job creation and an "important source of innovation."

The government also said it will use incentives to encourage financial institutions to provide more finance to small firms. Furthermore, additional subsidies will be provided to small firms employing people with difficulties in finding jobs, as well as free training to help them secure big data information services supported by cloud computing.

The State Council urged all regions and departments to make sure all these policies are implemented as soon as possible. Small and micro firms are a vital foundation for Chinese economic growth. By the end of 2013, there were about 11.7 million such companies in China, accounting for 76.6 percent of the total number of firms in the country.


Tax – Newsflash September 2014

Tax – Newsflash September 2014





Events



25th September 2014 - Cosmetic market in Asia  (L. Riccardi, A. Kung)



The cosmetic sector on the Chinese mainland has been growing at a fast pace in tandem with the rapid development of the Chinese economy in recent years. Chinese cosmetics and toiletries market is the second largest in the Asia-Pacific region after Japan and third largest in the world.



Taking the whole cosmetics market into consideration, one will find that domestic players account for less than 20% of the market while foreign-invested enterprises and joint ventures take the largest share (80%).



Date: 25th September 2014 – Time: 18:00, 4th Floor, Fesco-Adecco Building, No. 28 South ZhongShan Road, Shanghai 200010, P.R.C.





1st October 2014 - PRC Tax Update (L. Riccardi)



For more than 30 years since the beginning of the reform and opening up, the taxation system of China has gone through several major reforms, and been improving day by day. In the early days of the reform and opening up, the adaptation to the requirements of opening up and the establishment of foreign-related taxation system are made as the breakthrough points of tax reform.



Date: 1st October 2014 – Time: 15:00/17:00, Ordine Dottori Commercialisti, Rotonda dei Mille 2, 24122 Bergamo



2nd October 2014, Italian Design Goes to China, Milan, Italy



Italian design arrived as a fashion symbol in Asia in the 19th century when the introduction of some of the continent’s most magnificent structures were built. this was the beginning of setting a scene for a marketplace During the meeting the participants will share experience and ideas on the success of Italian Design in China, the second largest economy in the world.

Studio Azzurro Produzioni via Procaccini, 4 c.o. La Fabbrica del Vapore. 20154 Milano Italia

H 15:30





9th October 2014 - Vietnam Cooperation and Networking (L. Riccardi)



Vietnam has been remarkably successful over the last decade or so in attracting substantial foreign direct investment (FDI) inflows.  

Various economic reform and business liberalization commitments that Vietnam has already made – such as those under the ASEAN Investment Area (primarily relating to national treatment issues), conditions set as part of the current IMF lending programme, and the US bilateral trade deal (which is much more than just a trade deal) – according to agreed timetables, will help promote the sorts of positive changes to the host country business environment that will be welcomed by foreign (and local) investors.



Date: 9th October 2014, Consolato della Repubblica Socialista del Vietnam, Via Federico Campana 24, 10125 Turin, h 14:30





22nd November 2014 - Taxation in China (L. Riccardi)



Taxes provide the most important revenue source for the Government of the People's Republic of China. As the most important source of fiscal revenue, tax is a key component of macro-economic policy, and greatly affects China's economic and social development.



With the changes made since the 1994 tax reform, China has preliminarily set up a streamlined tax system geared to the socialist market economy



Date: 22nd November 2014, Shanghai Jiao Tong University, Shanghai, China





News



China - Tax authorities survey taxpayers on service fees and royalties to foreign related parties.



China’s tax authorities are surveying taxpayers that paid service fees and royalties to their foreign related parties in the last ten years (2004-2013).

As a result of these surveys, transfer-pricing audits may potentially be triggered with respect to these related-party transactions.

The State Administration of Taxation instructed tax bureaus across China to survey and report back to it, by September 2014, regarding companies within their jurisdictions that made service fees or royalty payments to related parties during the 10 years period under analysis.

The time span of this activity has been defined according to the statute of limitations for transfer pricing in China, which states that potential tax adjustments can be performed within ten years.





Vietnam - Foreign direct investments to be limited by foreign exchange control rules



Foreign exchange control rules with respect to foreign direct investments made in Vietnam have been established by a recent guidance issued by the State Bank of Vietnam.

Circular 19 (11 August 2014) is effective 22 September 2014, and states that:

Resident Vietnamese investors in foreign invested enterprises can make capital contributions in foreign currency from their own legitimate sources.



Foreign invested enterprises and foreign investors with business cooperation contracts must open a “direct investment capital account” in foreign currency or in Vietnamese dong (VND) at an authorized bank to be able to conduct direct investment activities in Vietnam,

By March 2015, foreign invested enterprises must convert their existing specialized capital accounts to a “direct investment capital account.”





China – The new Regulation for the Shanghai pilot free trade zone



The first local regulation providing guidance for the Shanghai pilot free trade zone is effective 1 August 2014.

To promote construction of the free trade zone, the regulation outlines the management system, openness to investment, trade facilitation, financial service, taxation management, comprehensive supervision and legal environment. It not only summarizes existing rules for the free trade zone, but the regulation also provides the legal framework for reform of the free trade zone.





China – Draft Guidance for GAAR



China’s State Administration of Taxation released draft guidance regarding the general anti-avoidance rule (GAAR) measures.



The draft GAAR administrative measures, when finalized, would provide guidance in various areas, including:

When a tax avoidance scheme would be considered as a GAAR case

Documentation requested from taxpayers by the tax authority

Measures of tax adjustment



The draft GAAR administrative measures should provide a greater degree of transparency regarding the procedures for conducting GAAR cases. Yet, this process arguably would broaden the types of transactions “caught” in the GAAR net.

[seminar] L. Riccardi, G. Riccardi - Ultimi sviluppi della fiscalità cinese per l’imprenditore italiano, 1.10.2014

“Ultimi sviluppi della fiscalità cinese per l’imprenditore italiano

Mercoledì 1 ottobre 2014 ore 15.00/17.00


Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

Sede - Bergamo Rotonda dei Mille, 1   

Dott. Lorenzo Riccardi         

Dott. Giorgio Riccardi           


Programma:

  • Gli Uffici di Rappresentanza
  • Le Joint Ventures
  • Le Società ad intero capitale straniero (WFOE)
  • Capitale sociale e finanziamenti
  • Adempimenti post-costituzione
  • Il sistema fiscale cinese
  • Principali riforme fiscali
  • L’imposta sul reddito delle società e dei RO
  • Le imposte sul volume di affari
  • Profili di fiscalità internazionale
  • Imposte sul reddito delle persone fisiche

 

per partecipare: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


________________________________________________________________________________________________________________________



La partecipazione al convegno è gratuita.

Il Convegno è stato segnalato al Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili per l’attribuzione dei crediti formativi.


 

 

VIETNAM - Networking and cooperation, Turin 9 October 2014, Vietnam Consulate

Giovedi 9 ottobre, Ore 14.30

Sede consolare: Via Federico Campana 24, Torino

Il Viet Nam è in rapida espansione; ha una popolazione di circa 90 milioni di abitanti, una struttura socio-politica

stabile e un’economia dinamica. E’ uno dei Paesi con il più alto livello di sviluppo economico al mondo. Il

“nuovo corso”, inaugurato nel 1986 e riforme politiche coraggiose, varate a livello governativo, hanno garantito a

questo angolo di Asia elevati e sostenibili tassi di crescita. Nonostante il Viet Nam sia un luogo particolarmente

attraente per le imprese italiane e, sebbene l’Italia possegga il know-how e la tecnologia in grado di supportare il

suo processo di industrializzazione, le opportunità di investimento in territorio vietnamita sono ancora poco

conosciute nel nostro Paese.

Per rispondere a questa necessità di informazione e fornire strumenti utili al mondo imprenditoriale, il Consolato

della R.S. Viet Nam, a chiusura dell’esercizio 2014 - e in omaggio alla Festa della Repubblica -, presenta le

opportunità di business in Viet Nam e le specifiche possibilità di networking e collaborazioni economiche che si

possono realizzare a partire dalla Città di Torino, fulcro di istituzioni ed enti preposti alle relazioni culturali e allo

scambio economico Italia Viet Nam. Nella convinzione della complementarietà degli aspetti economici e culturali

dello sviluppo e dello scambio internazionale, agli interventi di esperti di settore - che saranno poi a disposizione

degli uditori, per rispondere alle loro domande -, seguirà un concerto, con alcuni dei musicisti che hanno

rappresentato l’Italia a varie edizioni del Festival del Jazz di Ha Noi.

Saranno presenti:

Sandra Scagliotti, Console onorario R.S. Viet Nam

Walter Cavrenghi, Tesoriere CCIV - Camera Commercio ItaliaViet Nam Torino

Patrizia Mariotto, API Piemonte

Lorenzo Riccardi, Asia Tax Advisors

Federico Vasoli, DMTV Studio legale in Milano e Ha Noi

Stefano Tononi, i-Italy Città Ho Chi Minh/Brescia

Tran Minh Chau, Operatore economico

FulvioAlbano-Massimo Faraò Duo

Sono stati invitati

S.E. Nguyen Hoan Long, Ambasciatore R.S. Viet Nam in Italia

Ugo Nespolo, artista, direttore del Museo del Cinema di Torino

L. Riccardi, A. Kung - Cosmetic Market in China and Asia Pacific, SPWG, China-Italy Chamber, 25.9.2014, Shanghai

Dear All,
The SPWG with the Italian Chamber of Commerce in China invites you to our next meeting on September 25th at 18:00 in Shanghai. Our guests will present Cosmetic market in China and Asia Pacific.

The cosmetic sector on the Chinese mainland has been growing at a fast pace in tandem with the rapid development of the Chinese economy in recent years.

In the cosmetic markets consumers attitude has changed drastically. Nowadays, consumers are more independent in making decisions. People are increasingly aware of the safety issues of cosmetic products.

Please confirm your attendance by email in advance 

Agenda of the meeting:

18:00 – 18:10 Welcome 
18:10 – 18:30 Presentation (L. Riccardi)
18.30 – 19.00 Cosmetic Market in Asia (A. Kung)
19.00 – 19.30 Q&A

Address: 上海市黄浦区中山南路28号久事大厦附楼(近东门路)
4th Floor, Fesco-Adecco Building, No. 28 South ZhongShan Road, Shanghai 200010, P.R.C.

L. Riccardi - Ministry of Economical Development, Italian Embassy in Beijing 18th September 2014, Beijing

Ministero dello Sviluppo Economico - Ambasciata d’Italia a Pechino, 18 Settembre 2014


in occasione della visita del Vice Ministro Carlo Calenda a Pechino, Lorenzo Riccardi in rappresentanza del gruppo dei servizi della Camera di Commercio italiana in Cina, presenterà il crescente sviluppo del settore finanziario e del settore dei servizi in Cina.

(Giovedi’ 18 Settembre, ore 10:30 – 12:25 c/o Ambasciata d’Italia a Pechino)

Programma:

Alberto Bradanini - Ambasciatore d’Italia in Cina

Franco Cutrupia - Presidente Camera di Commercio italiana in Cina

Lorenzo Riccardi - Presentazione settore finanza e servizi

Fabio Antonello - Presentazione settore industriale-manifatturiero

Massimo Bagnasco - Presentazione pacchetti agricoltura-ambiente-urbanizzazione

Riccardo Coli  -  Presentazione pacchetto aerospazio

Maria Santonastaso - Presentazione pacchetto sanità

per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.










La Cina sigla nuovi accordi in materia fiscale con i Paesi dell’UE di Lorenzo Riccardi, Giorgio Riccardi - Fiscalita' Estera 6/2014, Maggioli Editore

Fiscalita' Estera - n. 6/2014

ASPETTI FISCALI: La rivalutazione di quote o partecipazioni estere, L’eliminazione della doppia imposizione (parte 1), La legge cubana n. 118, Slovacchia: operativita' Iva in triangolazioni e movimenti interni, La Cina sigla nuovi accordi in materia fiscale con i Paesi dell'UE, La tassazione dei lavoratori frontalieri esaminando le norme di legge, le convenzioni, gli interpelli, Sistema fiscale delle Mauritius, Tassazione nel territorio delle Antille Olandesi 
VARIE: Internazionalizzazione: LTD o LLC?, Direttiva Bolkestein
QUESITI

 

http://www.fiscoetasse.com/BusinessCenter/scheda/23238-Fiscalita-Estera-n-6-2014.html

Malesia al passo con il transfer pricing, Fisco e Tasse 31.7.2014, L. Riccardi

Governo a lavoro per intraprendere un nuova direzione in materia. Il lavoro è solo all’inizio e la strada è ancora lunga, ma il governo malese sembra avere la chiara volontà di proseguire la sua attività di audit sui transfer pricing. Nello sforzo di ottenere informazioni sull’adeguamento alla normativa vigente, il Comitato Governativo alle attività economiche ha annunciato l’avvio di un’inchiesta volta a conoscere l’effettiva implementazione dei termini sul transfer-pricing. Questo costituirà il punto di partenza per la successive attività di ispezione a livello nazionale. Tra le linee guida innanzitutto il livello di conoscenza e adeguamento all’attuale legislazione in materia. Questa sfera si estenderà anche a livello internazionale ai paesi con cui vengono intrattenute relazioni commerciali. Una seconda dimensione riguarda poi il coinvolgimento del top management nella determinazione dei transfer prices. Infine I soggetti di imposta verranno interrogati su se e come avvenga l’adeguamento alle procedure dalle società holding e controllate estere e su come i compensi per gli scambi intra gruppo vengano effettivamente stabiliti nelle sigole transazioni.   Al termine di questa fase preliminare, le autorità procederanno quindi con le verifiche vere e proprie dalle quali emergerà la situazione generale. Da uno sguardo ravvicinato alla questione emerge come gli ultimi provvedimenti non fossero previsti dalla nomativa vigente introdotta solamente lo scorso anno. Lo stato della materia appare quantomai in fase di transizione e seguiranno pertanto ulteriori sviluppi.

 

http://www.fiscoetasse.com/blog/transfer-pricing-malesya/

Investire nel Fashion retail in Cina - L. Riccardi, 27.7.2014, Il Sole24 Ore, Diritto 24

Con tassi di sviluppo al di sopra delle maggiori economie mondiali ed una crescente capacità di spesa all'interno delle fasce medie della popolazione, la Cina è un passaggio obbligato nelle strategie di iternazionalizzazione per le aziende operanti nel comparto moda. Pur reppresentando il maggiore mercato per crescita e prospettive future, entrare nei canali distributivi in Cina è un percorso complesso per il fashion made in Italy. Infatti, se da un lato le procedure burocratiche spesso mettono le case di moda italiane di fronte ad un percorso in salita, dall'altro ogni firma porta con sè un posizionamento strategico, che per essere implementato con successo, merita alcune considerazioni. 
Nel settore del fashion retail, le scelte che portano all'ingresso nel mercato cinese possono essere molto variegate ed avere differenti implicazioni. Si va, infatti, dalla vendita dei propri prodotti ad un distributore con prezzi all'ingrosso, al coinvolgimento di un agente esterno, passando per il franchising, fino all' apertura di punti vendita di proprietà.
Nel primo caso, il coinvolgimento di un distributore (soprattutto nel caso in cui quest'ultimo funga anche da intermediario tra l'impresa e il rivenditore finale) determina la mancanza di un appropriato controllo sul punto vendita e sulle relazioni con i clienti, fattori entrambi essenziali per poter competere attivamente in questo settore, rende l'opzione meno appetibile.
Trovare un agente di vendita al dettaglio, invece, rappresentava l'unica soluzione possibile per penetrare il mercato quando, in passato, la Cina era ancora chiusa alle società a intero capitale estero (wholly owned foreign enterprises, WFOE). Il ruolo di agente è tipicamente ricoperto da una società cinese o di Hong Kong con licenza di svolgere attività retail in Cina. A questa società la casa di moda straniera concede il diritto di aprire negozi e vendere prodotti sotto il proprio brand. Ovviamente la scelta di un agente di fiducia e la definizione di regole precise fin dall'inizio sono gli aspetti più critici di questa seconda scelta, pena danni all'immagine del marchio. Un esempio è costituito da Ralph Lauren che, per il suo ingresso sul mercato cinese, optò per l'apertura di centinaia di negozi affidati a più agenti, senza peraltro definire una chiara politica di marketing ex ante. L'ampio grado di libertà di cui ogni agente godeva nella gestione dei punti vendita portò ad un disallineamento sostanziale con le politiche della casa madre e soprattutto alla confusione tra i consumatori cinesi circa il posizionamento del brand.
Un modello dal maggiore coinvolgimento da parte della società estera è quello del franchising, che permette di ovviare alla figura dell'agente. Un accordo di franchising impone tipicamente rigorose restrizioni operative al franchisee locale (interior design del punto vendita, presentazione e mix di prodotto). Tuttavia, le leggi e la regolamentazione alla base di questo schema sono più complesse: per rilasciare licenze di franchising, un soggetto giuridico nella forma di una Joint Venture (a capitale misto domestico ed estero) o WFOE (a intero capitale estero) deve essere registrato in Cina e avere almeno due negozi operativi da più di un anno. Per evitare l'assoggettamento a questi requisiti molte società adottano la scelta del distributore o dell'agente gestendolo, di fatto, come un franchising. 
Quando i brand stranieri hanno iniziato ad avere crescente successo sul mercato cinese e il Governo ha aperto l'economia alle WFOE, la maggior parte delle società del fashion ha scelto l'apertura di negozi di proprietà. Un esempio è Coach che, acquisita familiarità con il mercato cinese, ha internalizzato le attività legate al retail con l'obiettivo di espandere il proprio business in Cina. L'apertura di negozi di proprietà permette di esercitare un controllo totale ma richiede anche un impegno di lungo termine e un investimento considerevole. Sono, inoltre, molte e complesse le procedure che sottendono alla creazione di una WFOE, sia dal punto di vista legislativo che organizzativo/operativo (approvazione del Ministero del Commercio, requisiti patrimoniali minimi, scelta del nome cinese per il marchio, costituzione di un team con esperienza in Cina, importazione dei prodotti, logistica, marketing, etc.). Nonostante il dispendio di energie e di tempo, oggi molti brand operano con gestione diretta dei propri negozi in Cina visti i benefici che ne conseguono in termini di controllo.
Un investimento in Joint Venture può costituire invece un modo per collaborare con partner locali con diversi business models. La costituzione di un soggetto giuridico in Cina permette una maggiore flessibilità in attività quali incasso di pagamenti, gestione della propria attività nel mercato domestico, sviluppo di relazioni di business e strategie di marketing. 
Infine, seppur non collocabile nei canali tradizionali, l'online shopping sta ricoprendo un'importanza sempre maggiore, di pari passo con l'aumento degli utenti appartenenti alla cosiddetta ‘internet generation' nel paese. Secondo alcune stime, il loro numero sarà di circa 329 milioni nel 2015. All'interno di questo segmento di mercato, la categoria fashion è senza dubbio la più popolare e siti di fashion retail come Vancl stanno vivendo una fase di grande crescita grazie alle grandi opportunità offerte dall'e-commerce. Solo nel 2013 le vendite complessive effettuate online in Cina ammontano a 19,7 miliardi di dollari.
Da tutti questi casi, emerge come non ci sia un'unica formula per operare con successo nel segmeto retail in Cina. Il management dei gruppi del lusso si trova a dover comprendere e formulare la strategia più adatta, contestualmente alle necessità e caratteristiche specifiche del proprio brand in un mercato che ha superato il Giappone come primo paese per prodotti di alta gamma.

http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/avvocatoAffari/mercatiImpresa/2014-07-29/investire-fashion-retail-cina-093444.php

L. Riccardi - CHINA TAX SYSTEM - Peking University, School of Government in Beijing, 31.7.2014

The 2014 Edition of the Summer Institute on Climate Change and Environmental Protection (SICCEP) and Summer Institute on Intellectual Property Rights and China (IP-China) will be held at Peking University, School of Government in Beijing from July 5th to August 2nd 2014 (SICCEP and IP-China) and from July 19th to August 16th 2014 (IP-China and SICCEP).

University of Milan, Department of Italian and Supranational Public Law, University of Turin, Department of Law and gLAWcal – Global Law Initiatives for Sustainable Development (United Kingdom) have set up a Summer School in China – Executive Education Training Program to be held at Peking University School of Government in Beijing (China) with two parallel curricula to be held in two different terms.

The program is organized also in partnership with Lund University Faculty of Political Sciences in Sweden, University of Provence Aix Marseille I – CNRS Centre of Comparative Epistemology and Ergology in France, Universidad Carlos III de Madrid in Spain, University of Eastern Piedmont Faculty of Economics in Italy, University of Pavia, Faculty of Law in Italy, Catholic University of Milan Faculty of Law, Istanbul Sehir University in Turkey.
 

This program is multidisciplinary and is aimed at students, young graduates and senior professionals with a background in law, political sciences, international relations, philosophy, economics, environmental sciences, engineering and any other relevant discipline that can be related to the topics of the program.

The first curriculum is called “Summer Institute on Climate Change and Environmental Protection” (SICCEP). It addresses issues such as energy policies, environment law and sustainable development, intellectual property and technology innovation.


The second curriculum is called “Summer Institute on Intellectual Property Rights and China” (IP-China). The participants (students and professionals) who will enroll in all the scheduled courses and seminars will receive the certificates for both curricula. It is an innovative program that takes into account the training demands of young professionals on these issues, drawing on relevant curricula received from international organizations and the private sector.

The summer course will include the following topics:

1) Introduction to Chinese Law, Institutions & Politics (20h) SICCEP and IP-CHINA
2) Global Environmental Governance (14h) SICCEP
3) Environment, Science and Society: a Philosophical Introduction (14h) SICCEP
4) Law, Policy and Economics on Climate Change (14h) SICCEP
5) Introduction to Chinese Intellectual Property Law and Technology Transfer (20h) IP-CHINA
6) European American and Chinese Approaches to Intellectual Property Rights and Competition Policy (20h) IP-CHINA
7) Governance of Energy Transitions: Towards Low-Carbon, Sustainable Society (14h) SICCEP

Lorenzo Riccardi, Associate Professor of Taxation at Xian Jiao Tong Liverpool University will introduce a lecture on China Tax System covering following topics:
 
1) Representative offices (ROs) taxation
2) Joint Ventures taxation
3) Wholly Owned Foreign Enterprises (WFOE) taxation
4) Registered Capital and Investment
5) Post-establishment Compliance
6) Chinese fiscal system
7) Main fiscal reforms in recent years
8) Representative offices tax calculation
9) IncomeTax
10) Turnover Taxes
11) Profiles of International Taxation on Investment
12) Scheme of Taxation on Dividends
13) China’s Double TaxTreaties